CertosaToday

Cascina Boldinasco, dall'abbandono a 49 appartamenti a canone convenzionato

Pubblicato il bando per la gestione quarantennale

Cascina Boldinasco (foto Comune di Milano)

Sarà trasformata in alloggi a canone convenzionato l'antica Cascina Boldinasco di via De Lemene, zona via Gallarate. Il Comune di Milano ha pubblicato il bando per il recupero e la gestione dell'immobile, inserito nel progetto "Abitare in borgo" grazie anche ai fondi europei del programma Pon Metro (progetto già annunciato a giugno). La cascina sarà affidata in concessione per quaranta anni per venire ristrutturata e destinata ad alloggi da affittare a canone convenzionato. L’obiettivo è quello di ottenere un servizio abitativo "giovane" fondato sulla reciprocità e sulla collaborazione. 

Gli operatori interessati hanno tempo fino al 14 gennaio 2019 per presentare offerte e, per loro, l'amministrazione ha previsto un incontro pubblico che si terrà in via Solari 40 giovedì 29 novembre dalle 18 in poi. "Il modello abitativo cui pensiamo per la cascina Boldinasco è molto innovativo, e rappresenta una scommessa per tutta la città", spiega Gabriele Rabaiotti, assessore alla casa.

"Lanciamo una sfida - prosegue - che risponde a più istanze. Quella di famiglie che cercano un’abitazione bella, funzionale e con spazi potenzialmente condivisi con gli altri inquilini, da affittare a canone accessibile; quella di persone in difficoltà economica che hanno bisogno per un limitato periodo di tempo del sostegno dell’amministrazione pubblica. E quella di operatori del settore immobiliare che abbiano interesse a sperimentare un nuovo modello gestionale, che dia vita ad una corte condivisa, abitata da famiglie ospitate e da famiglie ospitanti".

Cascina Boldinasco

Il complesso edilizio è localizzato su un’area di proprietà comunale, la cui superficie complessiva è pari a 5.166 metri quadrati. È composto dalla cascina vera e propria (tre corpi di fabbrica con distribuzione a ballatoio intorno a due corti interne per una superficie di 2.397 metri quadrati), che storicamente si trovava al centro del piccolo borgo di Boldinasco attraversato da via De Lemene, cui si aggiungono un’area verde per complessivi 2.500 metri quadrati.

Ultimato agli inizi del ‘900 intorno al nucleo originario, che risale invece al ‘700, dopo una prima vita da centro agricolo tradizionale, negli anni precedenti la Seconda guerra mondiale il complesso ne ha conosciuta un’altra come azienda agricola zootecnica all’avanguardia, per poi venire conferito negli anni ’50 all’amministrazione comunale e dedicato, fin da allora, ad alloggi sociali. Dal 2006 la cascina è stata abbandonata perché dichiarata inagibile.

Una volta recuperato, lo stabile sarà costituito da 45 alloggi per un mix abitativo in co-housing: fino all’80 per cento rientreranno nell’edilizia convenzionata in locazione a lungo termine e/o godimento d’uso a canone concordato, il 20 per cento minimo sarà invece dedicato all’emergenza abitativa temporanea, ovvero a nuclei familiari indicati dall’Amministrazione. Per le aree esterne si prevedono spazi, tra cui un orto condiviso, a fruizione pubblica e funzioni di servizio per il quartiere che troveranno sede nel piano terra della cascina che affaccia su via De Lemene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento