CertosaToday

Porte cinesi in Sarpi: la zona 1 dice sì, ma "smontabili"

Primo passo verso le porte "del drago", contestatissime da alcuni residenti e dai partiti di centrodestra

Arco cinese a Londra (culturaeculture.it)

Un primo passo verso le "porte del drago" in via Paolo Sarpi. Il consiglio di zona 1 si è espresso a favore, a patto che siano mobili, cioè da montare e smontare a seconda dell'esigenza e degli eventi. Niente di stabile, dunque. C'è già il progetto, realizzato da alcuni architetti, ora manca proprio il palinsesto di eventi (qui l'inchiesta di MilanoToday).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E il consiglio di zona ha chiesto un impegno a tutte le associazioni (di cittadini e commercianti) per collaborare ad un calendario che sia il più fitto possibile. L'idea è insomma quella di sfruttare al massimo la via pedonale e l'attrattività "naturale" del quartiere, che sicuramente sarà meta turistica durante l'Expo, volenti o nolenti coloro che insistono nel sottolineare che l'80% dei residenti (all'anagrafe) è italiano. Come Nicolò Mardegan (Ncd), che definisce razzista l'idea dei portali cinesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento